Ultima modifica: 9 maggio 2017
> Senza categoria > In Russia, sulle orme di Fëdor Michajlovič

In Russia, sulle orme di Fëdor Michajlovič

Chissà quali pensieri e sensazioni attraversavano la mente del grande scrittore Dostoevskij mentre, concedendosi il tempo della vacanza e del riposo, passeggiava lungo i vicoli di Staraya Russa, un piccolo borgo nelle vicinanze di Novgorod!

L'esperienza diretta della letteratura passa anche attraverso i luoghi in cui gli autori hanno vissuto e tratto ispirazione per le loro opere.

In quest'ottica si colloca il viaggio in Russia dell'alunna Michela Falcini, classe 5^ A Rim, che dal 20 al 22 aprile ha partecipato, accompagnata dalla Prof.ssa Anna Maria Gasperi, ad una serie di conferenze dedicate alle opere del grande scrittore. Le conferenze, organizzate da enti culturali russi, si sono tenute proprio nella cittadina in cui Dostoevskij usava trascorrere  le vacanze.

Il viaggio ha rappresentato la tappa finale di una lunga esperienza formativa che per due anni, nell'ambito del progetto didattico "Il mondo parla", ha coinvolto numerosi studenti del nostro Istituto.

Tra i vari relatori e docenti universitari incontrati dagli alunni, spicca la figura della Prof.ssa Tat'jana Kasatkina, docente dell’Istituto di letteratura mondiale dell'Accademia delle scienze russa, che ha introdotto gli studenti ai temi universali trattati dallo scrittore e, come un moderno mentore attraverso il metodo di lettura da soggetto a soggetto, li ha guidati in un avvincente viaggio, prima in Italia, poi in Russia, nei luoghi fisici ed ideali delle opere di Dostoevskij.

Nell'ambito delle varie conferenze, cui erano iscritti centocinquanta partecipanti tra docenti, studenti universitari di Novgorod e Mosca, e liceali, la nostra alunna Michela ha svolto una relazione dedicata al protagonista del romanzo "Delitto e castigo". Il titolo della relazione: "Il personaggio di Raskòlnikov, in bilico tra ordinario e straordinario”.

La presenza di molti studenti ha reso possibile il dialogo e il confronto. Gli studenti e i docenti che componevano la delegazione italiana, oltre ad essere impegnati nelle attività di studio, hanno avuto occasione di visitare luoghi significativi: la dacia che ospitava Dostoevskij nel tempo del riposo a Staraya Russa; i monumenti e le opere d'arte di Novgorod, una delle città più antiche della Russia, in particolare la chiesa di Santa Sofia; la Piazza Rossa e il Cremlino a Mosca.

Gli studenti italiani, inoltre, sono stati ricevuti dal Vescovo ortodosso di Novgorod e dalla preside del locale liceo.

È stato un viaggio studio basato sullo scambio culturale e sull'amicizia tra i popoli, una esperienza che, dai racconti della nostra studentessa e della Prof.ssa Gasperi, possiamo definire commovente ed entusiasmante, soprattutto per l'accoglienza che gli amici russi hanno riservato ai loro ospiti italiani.

Lascia un commento

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: