Ultima modifica: 23 maggio 2018
> Senza categoria > IL SERVIZIO CIVILE

IL SERVIZIO CIVILE

Il Matteucci presenta il Project Work della classe 5^ A afm

Metti un giorno al Matteucci, giovedì 24 maggio, all’ora di pranzo, dalle 13 alle 14, e “miscela”, in un evento davvero particolare, tanti temi: il Servizio civile, l’Alternanza Scuola-Lavoro, il Project Work,   la convivialità di un pranzo condiviso.

L’evento: giovedì 24 maggio, dalle ore 13 alle 14, l’ITE Matteucci ospiterà il CO.PR.E.S.C di Forlì-Cesena (Coordinamento Provinciale degli Enti di Servizio Civile), rappresentato dalla Dott.ssa Martina Schiavo, che illustrerà a tutti gli studenti delle classi quinte le varie attività e i connessi ambiti di svolgimento del servizio civile, anche con riferimento all’ultimo bando nazionale e alla recente riforma del 2017, che ha permesso l’entrata in vigore del Servizio Civile Universale.

Sarà questa l’occasione per presentare alla Dott.ssa Schiavo, ad alcuni volontari degli enti soci del CO.PR.E.S.C., e a tutti i partecipanti, il Project Work realizzato dagli studenti della classe 5^ A afm nell’ambito della formazione dell’Alternanza Scuola-Lavoro.

È noto come la Riforma della Buona Scuola abbia imposto l’attivazione di percorsi formativi di Alternanza Scuola-Lavoro nelle scuole superiori.

In particolare per gli istituti tecnici sono previste ben 400 ore da ripartire nel triennio conclusivo.

Si tratta di una grossa opportunità per gli studenti che possono così avviare una conoscenza “ravvicinata” del mondo del lavoro, prima ancora di concludere l’iter scolastico.

L’ ITE Matteucci ha in questo campo una solida tradizione, avendo intrapreso prima dell’obbligo legislativo una intensa attività di collaborazione con aziende, professionisti ed enti del territorio, al fine di promuovere stage aziendali per i propri studenti.

La novità legislativa, dunque, non coglie impreparato il nostro Istituto.

Nasce tuttavia l’esigenza, stante l’oggettiva difficoltà di interfacciarsi con un numero elevato di aziende pronte ad assorbire una grande quantità di studenti, di trovare nuove e diverse forme di collaborazione, alternative allo stage in azienda.

Una di queste è il Project Work, ossia un vero e proprio progetto, commissionato da un’azienda, un ente o un’associazione di professionisti, da svilupparsi nei locali nei locali della scuola a cura degli stessi studenti e su indicazione e guida dell’intero Consiglio di classe, che condivide progetto.

Con il Project Work gli alunni vengono formati ad una progettualità etica delle competenze di indirizzo, dovendo sviluppare la responsabilità del lavoro.

“Lavorare per progetti”, infatti, offre loro l’opportunità di cogliere le interconnessioni tra i diversi saperi, stimolandoli ad una visione unitaria della conoscenza e della realtà.

Partendo da un’analisi dei bisogni legati al contesto socio-economico del territorio, gli alunni si cimentano nella creazione di un progetto finalizzato alla risoluzione di problemi concreti.

Questo è il percorso compiuto dagli studenti della classe 5^ A afm, cui è stata commissionata dal CO.PR.E.S.C. un’attività di marketing volta a promuovere il servizio civile.

I ragazzi hanno dunque prodotto, attraverso un’attività di progettazione e realizzazione dalla durata di 30 ore, operando in collaborazione con l’ente di coordinamento, un video e una leaflet che saranno utilizzati dal CO.PR.E.S.C. nel diffondere presso le scuole superiori del territorio le opportunità offerte dal servizio civile.

Come si ricorderà, dopo la sospensione dell’obbligo di leva, nel 2005, e la connessa sospensione del servizio civile sostitutivo, viene istituito il Servizio civile nazionale che, attraverso una serie di passaggi giurisprudenziali e normativi, si è trasformato in Servizio civile universale.

Possono partecipare a tale servizio, su base volontaria, sia in Italia che all’estero, i giovani dai 18 ai 28 anni, con cittadinanza italiana, o comunitaria, oppure giovani non comunitari ma regolarmente soggiornanti nell’Unione europea.

Gli ambiti di prestazione del servizio sono tantissimi, si va dall’Assistenza alla persona, all’Ambiente, all’Educazione e alla promozione della Cultura, alla tutela del Patrimonio artistico, alla Protezione Civile, alla Cooperazione internazionale per progetti di sviluppo e pacificazione tra i popoli.

Ritornando al Project Word dei nostri studenti, ci auguriamo che possa coinvolgere e convincere tanti giovani, possibili fruitori del servizio civile.

Intanto possiamo constatare l’efficacia formativa del “Lavorare per progetti”, in quanto ha rappresentato per i ragazzi della 5^ A afm il banco di prova per verificare lo stato delle loro capacità organizzative, decisionali e relazionali.

Al termine dell’evento, alle ore 14, il CO.PR.E.S.C. offrirà il pranzo a tutti gli studenti intervenuti.

Dopo la valutazione del Project Work degli studenti, si passerà dunque alla valutazione delle lasagne preparate dai volontari degli enti soci. Che altro aggiungere? Buon appetito a tutti!




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: